Saggio di fine stagione per le oltre 200 ginnaste della Robur et Virtus e anche per il giovanissimo Paolo, beato tra le donne, alle prese con Peter Pan e tutti i suoi coloratissimi personaggi. Si sono alternati sulla pedana piccole Trilly, i bambini sperduti, ma anche Capitan Uncino con la sua ciurma, le sirene e i tenerissimi coccodrilli, tutti perfettamente abbigliati grazie ai costumi creati con estrema cura e che hanno necessitato più di un mese di lavorazione.

Annata non priva di difficoltà quella della società villasantese che, grazie al vulcanico Presidente Giorgio Ricci, è riuscita ad ottenere grandi successi anche in questo centodecimo anno di attività. Compleanno festeggiato con una bellissima coreografia utilizzando nastri dei colori societari animati dalle giovani ginnaste.

Celebrate nella serata anche le atlete che hanno preso parte alle finali nazionali del circuito Csen a Cervia, capaci di conquistare ben 14 titoli, fra cui due titoli tricolori con Emma Bogani (Eccellenza Esordienti) e Ludovica Rovaris (Allieve B), e un ottimo argento con Valentina Monti (Eccellenza Senior). Ed è stata proprio la giovanissima campionessa Emma Bogani a consegnare a Martina Maggio una targa da parte di tutta la Robur et Virtus. Martina è ormai una vera e propria star per le giovani ginnaste villasantesi. Durante la serata si è dimostrata molto disponibile in ogni occasione e ha voluto omaggiare tutte le atlete presenti con una foto da lei autografata.

E come dice Wendy: “Tutti gli bambini diventano adulti…eccetto uno”. Eccetto la Robur, sempre in grado di rinnovarsi e di far nascere nuove stelle.

Vi proponiamo una photogallery a cura di Valeria Bassani