città, cultura

Un’idea per villa Camperio

Un’idea per villa Camperio. Quello che è stato definito quale polo culturale cittadino è ancora in attesa di un progetto definitivo di riqualificazione. Ma qualche riflessione è stata messa sul piatto, tanto da affidare a Marco Muscogiuri, architetto esperto in riqualificazioni di biblioteche civiche e trasformazione delle stesse in poli culturali, il progetto di massima.  E proprio mercoledì la giunta Ornago ha approvato il progetto di fattibilità di Muscogiuri che ha dato una prospettiva di rifunzionalizzazione degli spazi. Si è pensato a trasferire la Polizia locale, che ha sede nel cortile della storica villa di via  Confalonieri, nell’area della ex Tronconi a San Fiorano, dove sono in corso i lavori. L’intento è quello di concentrare negli spazi della storica abitazione di via Confalonieri associazioni e comunque attività che abbiano una qualche attinenza con la Cultura. Per il momento si è  intervenuti sulla sala accoglienza della biblioteca civica, che è stata riorganizzata recentemente e sull’illuminazione della sala mansarda e della sala convegni. I tempi di un intervento su tutto il comparto sono lunghi e bisogna anche considerare la Sovrintendenza e le possibili limitazioni che questa può porre su qualsiasi idea, visto che si tratta di una villa di interesse storico. “Abbiamo diverse idee di massima, ma serve un progetto – ha dichiarato in proposito il sindaco Luca Ornago – e parlarne ora sembra prematuro, visto il periodo elettorale e la scadenza del mandato”. Si potrebbe comunque dire che qualche idea per la riqualificazione è stata avanzata, ma i costi sono alti e sarà senza dubbio la prossima amministrazione a portare avanti il tutto. Bisogna inoltre considerare alcune criticità, come sottolinea l’assessore alla Cultura, Adele Fagnani: “Ci sono problemi soprattutto con il rifacimento degli impianti, in particolare di quello del riscaldamento”. A parere dell’assessore però sono stati fatti diversi passi avanti, soprattutto dal punto di vista delle proposte culturali avanzate: “La biblioteca non si occupa più solo di libri ma organizza diversi appuntamenti e corsi che stanno riscuotendo un discreto successo, come del resto le mostre e gli appuntamenti organizzati negli altri locali della villa”. Sui costi, il progetto di fattibilità parla di 2 milioni e 200 mila euro per la riqualificazione di villa Camperio, compresi gli impianti. “L’intenzione è quella di ricorrere ad un project financing – ha concluso Ornago – ma la decisione spetterà alla prossima legislatura”.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*