cultura

Astrolabio: dalla chiusura alla lunga estate in Villa

Vi ricordate quando Astrolabio invitava a impugnare lo smartphone? Nei giorni più critici della quarantena tenere il legame con la comunità degli spettatori e degli appassionati del cinema era fondamentale. E la tecnologia ha aiutato. Ma ora la cultura e il cinema si riprendono – affiancati dall’Amministrazione comunale – gli spazi che meritano con 2 mesi di proiezioni cinematografiche all’aperto. In Villa Camperio, dove incontriamo Stefano Maiocchi della cooperativa Controluce, che gestisce da alcuni anni il cineteatro Astrolabio.

Come sono trascorsi questi lunghi mesi di chiusura e con che spirito riaprite?

Dopo un avvio di stagione molto positivo, che a fine gennaio aveva coinvolto più di 10.000 spettatori, il cineteatro Astrolabio ha sospeso proiezioni, rassegne, eventi concordati con le associazionidi Villasanta. Ora ripartiamo – all’aperto – esattamente negli stessi giorni in cui, negli altri anni, chiudevamo la sala coperta per avviare la stagione estiva in Villa Camperio. Ma nel 2020, invece delle 7-8 proiezioni degli anni precedenti ne proponiamo 27! Naturalmente con le regole di distanziamento e di sicurezza che la persistente circolazione di COVID-19 impone.

Come avete vissuto voi in prima persona la quarantena e come il Cinema in generale?

Cassa integrazione, social network, contatti e crescente consapevolezza del valore del nostro ruolo. Abbiamo contributo a creato un gruppo, un’unione di esercenti delle piccole sale indipendenti che rivendica un ruolo specifico accanto ai multisala, alla grande distribuzione e alle piattaforme streaming. I dati ci dicono che – durante la chiusura – non c’è stato un incremento significativo degli abbonati alle piattaforme (n.d.r come. Netflix, Sky, Amazon Prime), la sala resiste, le piattaforme non hanno vinto! I piccoli operatori culturali hanno un futuro.

A me sembra che ciò sia vero anche per altri contesti: i musei, le biblioteche di paese e quartiere, le piccole librerie… tutti hanno tessuto un filo diretto con visitatori e lettori, facendo comunità. Che sia questo il lascito positivo di un periodo altrimenti drammatico?

Accanto alle grandi multinazionali digitali, gli operatori che hanno resistito meglio sono quelli piccoli, con un vero radicamento territoriale che hanno utilizzato la tecnologia per mantenere quel radicamento e non per sostituirlo. Io credo che sia importante per Villasanta la presenza di un cineteatro come Astrolabio. E ciò al di là della nostra gestione.

Come sarà il Cinema in Villa 2020?

Avremo 27 proiezioni distribuite in tutte le settimane di luglio e agosto, nelle giornate di lunedì, mercoledì e sabato. Porteremo il proiettore DCP (digital cinema projector) della nostra sala al chiuso e utilizzermo un schermo fisso di 8 m., supporto per il quale è stato decisivo l’intervento del Comune.
I film abbinati alle singole giornate sono raggruppati in filoni: I Grandi successi il Sabato, i Cinemercoledì con i film già programma per la rassegna della primavera, poi sospesa causa COVID, e l’iniziativa Villasanta si racconta il Lunedì. Segnalo le 4 proiezioni gratuite promosse dall’Amministrazione comunale: Il Viaggio di Yao il 1 luglio, prima iniziativa della rassegna, La Dolce Vita il 15 luglio, Non Spostate le mie figlie 2 il 15 agosto, Aquile Randagie il 31 agosto.

La dolce vita di un estate a Villasanta

Puoi scaricare qui il programma di Luglio

Esattamente cosa “contiene” Villasanta si racconta?

Si tratta di un proseguimento delle relazioni e della attività che Astrolabio ha sviluppato con le associazioni villasantesi. Ogni Lunedì un’associazione avrà uno spazio per presentarsi prima della proiezione del film il cui soggetto è legato alla “mission” principale dell’associazione stessa. Hanno aderito a questa nostra proposta: Circolo Amici dell’Arte, GAES “F. Marotta”, Amici della Speranza, il Tavolo dello Sport, l’Associazione La Casa dei Popoli, ANPI, i gruppi di lettura della Biblioteca Civica.

A quando la riapertura del cineteatro Astrolabio?

Il 25 settembre con Amarcord di Fellini. Ripartiamo con le iniziative pianificate per il centenario della nascita.
Il tutto sarà introdotto da una lectio magistralis di Simone Soranna che si terrà il 22 settembre in Biblioteca.

Le proiezioni in Villa Camperio si terranno alle 21.30. Il prezzo del biglietto è di 4 €. E’ consigliata la prenotazione su www.controluce.com
Buona visione a tutti!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.