città

Coronavirus a Villasanta. Cosa cambia dal 4 maggio

Il DPCM del 26 aprile socchiude la porta verso una riapertura graduale delle attività, con un amplimento delle possibilità di mobilità per tutti. Un test decisivo per verificare la tenuta del sistema e la capacità di tenere sotto controllo i contagi. E’ quanto sottolineato dalla comunicazione del sindaco del 30 aprile. Vediamo punto per punto i contenuti della comunicazione e le principali ricadute del decreto a Villasanta non prima di aver augurato a tutti Buon Primo Maggio!

Contagi
Persone risultate positive al coranovirus: 61
Persone in isolamento domiciliare: 39

Parchi
Riaprono i parchi di Villa Camperio, il parco Rodari e il parco della Ghiringhella ma senza possibilità di accesso alle aree dei giochi per bambini. Chiusi gli altri perché troppo grandi per poterne contenere gli accessi. Viene confermata fino al 17 maggio la chiusura del Cimitero.

Mercati cittadini
Riaprono per i soli generi alimentari i Mercati del martedi di San Fiorano di via Leopardi (campagna amica) e quello centro del venerdì

Ristorazione
Accanto ai servizi a domicilio si aggiunge la possibilità della ristorazione da asporto, fatte salve le regole del distanziamento e le misure di sicurezza già in vigore per la spesa. L’asporto di cibi, bevande, dolci, gelati prevede il consumo al proprio domicilio e non quello in loco o all’aperto.

Attivita sportive e motorie
Viene meno il limite dei 200 metri da casa. Per tutti e solo individualmente – tranne che per minori e persone non autosufficienti – sarà possibile camminare o svolgere attività sportive (distanziamento 2 metri per chi corre).

Buoni spesa
Si riapre la possibilità di accedere ai buoni spesa con richieste dal 4 all’11 maggio. La priorità è data a coloro che non ne hanno usufruito nel primo ciclo di assegnazione.

Scuole e famiglie
Il rinvio a settembre della riapertura delle scuole e la contemporanea ripaertura delle attività produttive pone in primo piano il tema della conciliazione famiglia – lavoro, in particolare laddove siano presenti figli minori . L’Amministrazione comunale, l’Istituto comprensivo e la Comunità pastorale stanno lavorando insieme per raccogliere dati e proposte per mettere a punto un piano di sostegno alle famiglia, in attesa delle linee generali nazionale. Il sindaco ha voluto assicurare che in atale definizione verranno coinvolti tutti i Consiglieri comunali e l’Associazione genitori.

Associazioni
Infine un invito del sindaco alle associazioni elemento fondamentale della vita e della coesione sociale villasantese: alle tante che che aspettano di riprendere le attività l’invito è “tenete duro, resistete, la graduale ripresa vi coinvolgerà direttamente”

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*