politica

Presidio socio-sanitario a Villasanta. L’ipotesi prende quota al Consiglio comunale (1)

La pandemia di Coronavirus ancora in corso non consente di tenere le sedute di Consiglio Comunale in presenza e, quindi, gli incontri si tengono on line attraverso la piattaforma Webex. Tramite la sezione Servizi on line del sito del Comune, anche i cittadini hanno così potuto assistere alla seduta del 9 giugno che si è occupata di tematiche piuttosto importanti che presentiamo qui in due reseconti separati. Il sindaco Ornago ha dichiarato che se la situazione dovesse migliorare potrebbe essere possibile assistere ad una seduta di Consiglio Comunale in Municipio già a luglio.

Durante la seduta dello scorso 9 giugno è stata approvata, con modifiche, la mozione presentata dal consigliere del Movimento 5 stelle Ganino avente come oggetto “l’accordo con Ats per costituire un’Unità Speciale di Continuità Assistenziale (Usca)”. “Si tratta di presidi territoriali in grado di curare le persone affette da Covid-19 alleggerendo le code nei pronto soccorso, soprattutto per i codici bianchi”, spiega Ganino. “Inoltre, continua il capogruppo 5 stelle, quest’iniziativa l’abbiamo presa per mancanza di fiducia verso il centro-destra a livello regionale, tra il sistema sanitario pubblico carente, il malaffare e la cattiva gestione della sanità soprattutto durante questa pandemia.”

La maggioranza ha deciso di emendare la mozione. “Confrontandoci con il Movimento 5 stelle abbiamo deciso di inserire nel documento di trasformazione dell’Usca in Presst (Presidio Sanitario Territoriale) invece dell’Uccp ( Unità Complessa di Cure Primarie) per poter dare una serie di servizi sanitari migliori ai pazienti che si dovessero rivolgere alla struttura “, ha spiegato il capogruppo di Cittadini per Villasanta, Carlo Sormani. Tutti i consiglieri di minoranza si sono invece astenuti. “Non siamo stati coinvolti in questa discussione”, ha commentato il consigliere Ubiali di Nuova Villasanta.

Durante la stessa seduta di Consiglio il gruppo Lega-Salvini Premier ha presentato una mozione per chiedere alla maggioranza di stabilire una data per commemorare le vittime villasantesi del Covid-19. “Aspettiamo che venga istituita una data a livello nazionale”, ha suggerito il sindaco. La mozione, emendata, è stata poi approvata all’unanimità.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*